Senza categoria

Lunedí pomeriggio e mal di testa 

É lunedí pomeriggio e sono KO. Sia moralmente che fisicamente. Di solito prendo questi momenti e li uso per sviluppare cose creative.. ebbene, oggi finalmente sto scrivendo il capitolo numero 11 del mio romanzo. 

Ho acceso il pc, sono andata in cucina scalza, con i pantaloncini e la felpa, e mi sono preparata una tazza di latte e orzo, sono passata dal vassoio con i cioccolatini e ho rubato un Bacio fondente. 

Salgo in camera, socchiudo la porta, ed ecco il mio rituale: sfioro leggermente i tasti e scrivo la prima frase. Poi scarto il cioccolatino. 

“Immaginata luce arde e consuma” (Vittoria Colonna) 

Le frasi dei Baci Perugina non mi piacciono. 

Riprendo a scrivere: 

“Eravamo in salotto, io sul divano con la camomilla in mano e il plaid sulle spalle; lui affacciato alla finestra, rivolto alla luna con la sigaretta fra le labbra.” 

A volte riesco a mettere tutte le emozioni piú difficili da spiegare, in una sola frase. Quando ci riesco festeggio. 

Buona serata ❤

Annunci
Senza categoria

Una crema che addolcisce il cuore ðŸ’–

Prendete una domenica, e datele un tocco di dolcezza in piú; come ho fatto io oggi, dopo pranzo. Riempite un bicchiere di Crema Chantilly, una spolverata di cacao amaro, e accompagnateci le fragole! 

Per la crema: 

  • Mezzo litro di latte
  • 8 cucchiai di zucchero
  • 4 cucchiai di farina
  • 4 tuorli d’uovo
  • Una fialetta d’aroma al Fior d’Arancio oppure la buccia di un limone
  • Panna montata (mezzo litro) 

Montate la panna, fate sciogliere in un pentolino zucchero, farina, uova e piano piano versate il latte come per fare la crema pasticcera. Una volta ottenuta la crema lasciatela raffreddare e una volta fredda amalgamatela alla panna montata, con movimenti cauti (senza far smontare la panna!).. poi via in frigooo

Potete farcirci torte e brioches, ma io oggi ci ho riempito delle coppe e ci ho spolverato su il cacao amaro, e l’ho usata per accompagnare le fragole. Una poesia!! 

Fatemi sapere se vi piacciono i dolci al cucchiaio, e qual é la vostra crema preferita!! 

Buona domenica ❤

Senza categoria

Attimi di gioia – Buona Pasqua!

Questi giorni sono stati una festa. Una continua attesa e protesa verso Pasqua. L’ho vissuta in tutta la sua importanza, ogni momento, calibrando ogni gesto e dando importanza e dedizione ad ogni smibolo. 

Non posso fare a meno di essere felice, non posso fare a meno di condividere con voi il mio sereno augurio di una Pasqua che non duri solo oggi, di una Pasqua che ci doni rinascita e novitá. 

Senza categoria

Cosa vi auguro oggi? 

Buon pomeriggio amici, 

Oggi per il Cristianesimo comincia una serie di tre giorni significativi e importanti. Il Triduo Pasquale. Vorrei fare un augurio a tutti, a chi non crede, a chi pensa di essere ateo, a chi é Cristiano, a chi si dedica ad una diversa religione. Un augurio a chiunque abbia un po’ di Umanitá. E quindi a voi tutti che leggete. 

In questo giorno Gesú si abbassó e indossó un grembiule, per lavare i piedi ai suoi discepoli. 

Ma come Maestro? Siamo noi che dovremmo abbassarci a te. 

E invece no. Lui si abbassa, e ci dice di abbassarci tutti per lavare i piedi al nostro prossimo. Ecco, credo che la similitudine sia facilmente fraintendibile ma, se viene osservata bene, non vuole dire di “sottometterci” o tutti quei brutti e lugubri significati. 

Siamo umili. Pieghiamoci per un secondo e guardiamo da un punto di vista piú basso, non dall’alto del piedistallo che ci siamo costruiti. Umiltá. Proviamoci. 

L’umiltá é un grosso problema oggigiorno. Non ne vedo piú in giro, nemmeno in me stessa, perché a volte le nostre corazze, i nostri scudi, le nostre difensive verso le paure piú grandi, ci portano a costruire un muro d’orgoglio. Io faccio cosí, almeno. Mi dimentico che essere umile é spesso la via che mi porta maggior benessere. 

Umile non vuol dire scema. 

Non mi faccio mettere i piedi in testa. 

Oggi vi (ci) auguro di cercare l’umiltá. 🌷

Buon Giovedí Santo. ❤

Senza categoria

Come ho conosciuto le fate dei fiori? 

Ciao amici virtuali! 

Avete presente quel libro che vi regalano, ma cominciate ad apprezzarlo seriamente solo crescendo? Ecco, nel mio caso non é un libro “complesso” che ho capito tardi, del quale ho compreso solo ora le parole, anzi. É una fiaba. 

É un viaggio nel mondo delle fate. 

Come ho conosciuto le fate dei fiori é un libro illustrato, con inserti e collage, tutto dedicato alle fate! 

É un mondo affascinante quello delle fate, e questa storia mi ha aiutato un sacco a volare con la fantasia e ad ispirarmi per alcuni disegni. 

Io ci credo nelle fate. 

A volte ne sento il profumo. 

A volte ne sento il rumore. 

A volte ne vefo le impronte. 

💕

Senza categoria

Breeanne oggi é confusa 

Ieri ho pubblicato il capitolo nove del mio romanzo, Ti regalo l’infinito. Non aveva abbastanza drammaticitá, cosí questa mattina ho deciso di dare un volto alla protagonista in difficoltà, alla mia Bree un po’ triste e un po’ malinconica. 

Gli acquerelli sono la mia tecnica preferita, terribilmente indecisi come me, lasciano intravedere la base a matita sotto, non coprono, anzi esaltano.

Sono sognatori. 

Per chi volesse dare un’occhiata alla storia ve la lascio qui : Ti regalo l’infinito

❤

Senza categoria

Il secondo caffé macchiato 

Buongiorno

Qui é giá ora del secondo caffé macchiato in tazza. A litri. Poi mi lamento della tachicardia. 

Ho giá fatto una buona ora di studio, ma la concentrazione sgocciola via dalla mia testa, cosí ho pensato di scegliere il mio prossimo libro. 

Ho finito ieri Quella vita che ci manca di Valentina D’Urbano e mi ha lasciata un po’ con il vuoto dentro, una sensazione quasi amara, ma davvero bella. Alla fine ho pianto. Era da molto che non mi commuovevo davanti ad un libro. 

Ora viene l’ora della scelta di un nuovo libro. Inizialmente avevo pensato ad una leggera storia d’amore. Ho letto qualche pagina ma tutte quelle frivolezze mi annoiavano troppo.. (non vi svelo il titolo, perché poi magari mi ricredo e ve ne parleró bene).. 

Cosí ho estratto dalla mensola un libro che comprai quasi all’inizio della mia carriera universitaria, ma tra una cosa e l’altra non ho mai avuto il tempo di dedicarmici. 

L’Enigma Michelangelo il genio, il falsario – Daniela Piazza 

“Una statua che tutti vogliono possedere. Un amore incoffessabile. L’ultimo mistero del genio maledetto del Rinascimento.” 

Penso che fu questa la frase che mi portó alla decisione di acquistare questo libro. Di solito mi attraggono i titoli di un libro, ma non acquisto mai senza prima leggerne qualche frase sul retro, o fra le stesse pagine. 

La trama: 

Bologna, 1494. Gli ospiti di palazzetto Aldrovandi hanno occhi solo per lui, un giivane artista schivo e irrequieto. 

Inutile e che parliamo di Michelangelo Buonarroti.. 

A meno di vent’anni é giá uno dei favoriti della corte medicea, dove lo ha voluto il Magnifico. Il Cupido Dormiente é un omaggio ai maestri dell’antichità, ma se in tempi cosí duri mettere un tozzo di pane in tavola é un’impresa anche per un astro nascente come lui, affidarlo a un apprezzato mercante d’arte come Baldassarre del Milanese diventa una necessità. E cosí mentre il suo autore é ostaggio di una passione da cui non sa se farsi travolgere, l’Amorino inizia un viaggio per le corti italiane. Caterina Sforza, Cesare Borgia..: ognuno é disposto a pagare la statua con il sangue. Per arrivare al cuore piú segreto del Rinascimento, un luogo dove ogni cosa che l’uomo abbia mai sognato diventa possibile. 

É la prima volta che sono attratta da un romanzo storico a dire la veritá, forse il fatto che si tratti di Michelangelo mi ha svegliato la curiositá, non so. 

E voi? Quali romanzi a sfondo storico avete letto? 

Buona giornata 😍❤